Menu Chiudi

Africani in Cina: Affrontiamo la discriminazione da coronavirus

Persone in piedi fuori da un negozio con maschere
Image caption Gli africani a Guangzhou hanno denunciato di essere stati costretti a lasciare il loro alloggio

Ade* ha avuto tempo fino a mezzanotte per lasciare il suo appartamento.

Cinque mesi prima, lo studente nigeriano si era trasferito a Guangzhou, nel sud della Cina, per studiare informatica all’università di Guangdong. Aveva appena pagato le tasse universitarie per il nuovo semestre quando il suo padrone di casa lo ha informato che doveva andarsene. La polizia stava aspettando lui e i suoi compagni di stanza fuori.

‘In clandestinità’

Quando ha tentato di lasciare i suoi bagagli nel magazzino di un amico, gli è stato impedito di entrare. Ha passato diverse notti a dormire per strada.

“Guardate come ci trattano, come ci hanno costretto a lasciare le nostre case e ad auto-quarantinarci”, ha detto alla BBC da un hotel della città.

“Mi hanno detto che il risultato è uscito e che sono negativo. Eppure non vogliono che io esca.”

Avviso nel ristorante McDonald's che dice Siamo stati informati che da ora in poi le persone di colore non possono entrare nel ristorante.'s restaurant saying "We've been informed that from now on black people are not allowed to enter the restaurant".
Image caption McDonald’s in Cina si è scusato dopo che una filiale di Guangzhou ha vietato alle persone di colore di entrare

I leader della comunità africana di Guangzhou credono che la maggior parte della popolazione africana della città sia stata costretta alla quarantena o dorma per strada.

“Alcuni si stanno nascondendo”, ha detto un leader della comunità attraverso un’applicazione criptata di social media.

Tutti i cittadini africani testati

All’inizio di aprile, le voci online hanno iniziato a circolare che le parti della città dove gli africani vivono e commerciano erano sotto chiave dopo la fuga di due nigeriani che erano risultati positivi al virus. I media cinesi hanno riferito che un paziente nigeriano aveva aggredito un’infermiera cinese.

La commissione sanitaria ha iniziato i test diffusi sui cittadini africani.

L’autorità locale dice di aver testato ogni cittadino africano in città per il coronavirus. Ha scoperto che 111 degli oltre 4.500 africani a Guangzhou sono risultati positivi.

“Sono venuti con la loro ambulanza e la squadra medica e ci hanno preso. Hanno solo detto che era la legge cinese e un ordine del governo”, ha detto Hao*, un uomo d’affari della Costa d’Avorio.

Si vede un ristorante africano chiuso a Guangzhou, provincia di Guangdong, Cina, 13 aprile 2020.
Image caption Le attività commerciali a Guangzhou, anche nella zona popolare con gli africani, sono state chiuse a causa dei timori del coronavirus

Guangzhou è diventata un hub per gli africani in Cina.

Sulla fine del primo decennio del secolo, si pensava che centinaia di migliaia di persone vivessero in città. Molti di loro entravano nel paese con visti a breve termine per comprare merci dalle fabbriche vicine e rimandarle nel continente.

Secondo alcune stime c’erano più di 200.000 persone che vivevano in città. Alcuni si sono stabiliti per un lungo periodo. Molti sono rimasti oltre la scadenza del visto.

‘Africani amichevoli con i locali’

Negli ultimi anni, il numero è diminuito. Gli uomini d’affari si sono lamentati delle ingiuste restrizioni sui visti e del trattamento iniquo. Nel 2018, piccoli hotel a Xiao Bei Lu, una zona popolare per i commercianti africani, hanno temporaneamente allontanato gli africani di diverse nazioni, hanno detto alla BBC.

“La maggior parte degli africani che vivono lì sono gentili e amichevoli con i locali, e stanno facendo affari come al solito negli ultimi anni”, ha detto un residente di Guangzhou che non ha voluto essere nominato.

“Se c’è un problema, potrebbe essere che alcuni africani si fermano troppo a lungo e fanno cose illegali”.

“Il conflitto sul test del virus, penso che sia una specie di malinteso. Non si tratta di discriminazione razziale. Non è lo stile della gente di Guangzhou”, ha detto.

“La gente non è ostile agli africani nella loro mente, a meno che alcuni africani non stiano facendo cose contro le regole locali”, ha aggiunto.

Linea grigia di presentazione

Ti potrebbe anche piacere leggere:

  • The street brawl with Africans in China that never was
  • A dazed city emerges from the harshest of lockdowns
  • China and the virus that threatens everything
  • Coronavirus lessons from president who led Ebola fight
Presentational grey line

The Chinese government dismissed claims of racism, insisting China and Africa are friends, partners and brothers and that it has zero tolerance to racism.

But many of those the BBC spoke to say they have been singled out because of their race.

“Ninety-eight per cent of Africans are in quarantine,” said one community leader who did not want to be named.

Wuhan lockdown continues – for some

Africans across China say they are facing increased scrutiny. Nel campus deserto dell’Università di Wuhan i volti africani superano quelli cinesi.

“Siamo quelli che sono rimasti indietro”, dice uno studente ghanese nella città cinese dove il coronavirus è stato rilevato per la prima volta.

Passeggeri salutano da un'auto che passa davanti a una stazione di pedaggio
Image caption Le cose hanno cominciato a tornare alla normalità quando l’isolamento di Wuhan è finito l’8 aprile

Al culmine dell’epidemia, circa 5.000 studenti africani sono rimasti bloccati a Wuhan e nelle città vicine, dopo che la maggior parte delle nazioni sub-sahariane non sono riuscite ad evacuare i loro cittadini.

“Ci sentiamo come agnelli sacrificali senza motivo. Il piano era di tenere la gente al sicuro sacrificando noi”, ha chiesto uno studente che non ha voluto essere nominato.

“A che scopo, visto che i nostri paesi non hanno messo in atto misure per proteggere la gente dal virus?

Quando Wuhan ha ufficialmente terminato l’isolamento l’8 aprile, la normalità ha cominciato a tornare a strisciare nella città.

A più di una settimana di distanza, gli studenti africani nei campus non possono lasciare il terreno dell’università. Non hanno informazioni su quando il loro blocco sarà revocato.

Una donna passa davanti a un cartellone pubblicitario in una parte della città dove vive e lavora la maggior parte del popolo africano a Guangzhou, provincia di Guangdong, Cina, 13 aprile 2020.
Image caption Una parte di Guangzhou è diventata nota come Little Africa, a causa del gran numero di africani che vivono e lavorano lì

Di nuovo a Guangzhou, una studentessa della Sierra Leone ha detto di credere che gli africani siano stati scelti.

“Tutto questo sta accadendo perché c’è stato un aumento dei casi importati dall’estero, la maggior parte sono di cittadini cinesi”, ha detto.

“Solo una piccola percentuale è costituita da africani”.

Ha ricevuto una lettera dalla sua università che diceva che tutti gli africani dovevano essere testati. Nonostante sia stata testata due volte, rimane in quarantena.

“Gli altri non sono trattati così”

“Con tutto ciò che sta accadendo, i cinesi hanno mostrato razzismo e discriminazione contro i neri qui a Guangzhou.

“Conosco persone della mia chiesa che sono bianche e non africane che non stanno passando quello che stiamo passando noi – quarantena e test multipli”, ha detto.

“Gli hotel di quarantena sono come la detenzione forzata per i neri”

Un uomo d’affari nigeriano in quarantena ha detto che “è stata la polizia a togliermi dal mio appartamento e a mettermi in strada”.

“Non ho nessun problema con il mio padrone di casa. Non sapeva nemmeno che ero stato sfrattato. I miei figli hanno dormito per strada per molti giorni.”

Immagine banner che legge 'more about coronavirus''more about coronavirus'
  • Una guida semplice: come mi proteggo?
  • LIVE TRACKER: Coronavirus in Africa
  • VIDEO: Il lavaggio delle mani in 20 secondi
  • STRESS: Come prendersi cura della propria salute mentale
Banner

Sui social media, centinaia di africani a Guangzhou hanno organizzato gruppi che si aggiornano regolarmente. Inviano foto di numerosi hotel e ospedali dove sono detenuti uomini d’affari, residenti e studenti in tutta la città.

Alcuni postano i risultati dei test che mostrano che sono negativi. Altri postano fatture mediche e di hotel che dicono di non potersi permettere di pagare. I video di africani che dormono per strada sono diventati virali.

Il governo del Guangdong ha reso pubblico un numero verde per “gli stranieri che sperimentano la discriminazione”. Ma per quelli in quarantena, i sospetti rimangono alti. I video continuano a circolare online di africani che vengono spostati in ambulanza da un hotel all’altro.

Xiao Bei Lu è conosciuta come “la piccola Africa della Cina” ma i video dei social media mostrano che le sue strade, un tempo piene di commercianti africani, sono ora deserte.

I nomi degli intervistati sono stati cambiati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *