Menu Chiudi

Che cos’è l’acqua santa nel cattolicesimo?

L’acqua santa è acqua benedetta. Viene usata come ricordo del nostro battesimo.

Si benedice con il sale usando la seguente formula (anche se è disponibile una formula più antica), che spiega anche lo scopo:

Tutti si fanno il segno della croce

Presbitero: Che Dio che ci ha dato una nuova nascita in Cristo mediante l’acqua e lo Spirito Santo sia con tutti voi.
Risposta: E con il vostro spirito.

P: Con questa benedizione dell’acqua, ricordiamo il sacramento del battesimo in cui per mezzo dell’acqua e dello Spirito Santo siamo rinati. Ogni volta che ci cospargiamo con quest’acqua o la usiamo nel fare il segno della croce entrando in chiesa e nella nostra preghiera a casa, rendiamo grazie a Dio per i suoi doni al di là dell’umano dire e imploriamo il suo aiuto affinché possiamo vivere all’altezza del sacramento che abbiamo ricevuto per fede.

Lettura dal Vangelo secondo Giovanni (7,37-39)

Preghiera di benedizione

P: Preghiamo. Signore, Padre santo, guarda a noi che siamo stati redenti per mezzo del tuo Figlio e siamo rinati al fonte battesimale e concedi a coloro che saranno aspersi da quest’acqua di essere rinnovati nel corpo e nella mente e di offrirti un servizio puro per Cristo nostro Signore insieme allo Spirito Santo nei secoli dei secoli. Amen.

Se viene aggiunto il sale, il sacerdote benedice il sale usando la seguente preghiera:

P: Dio onnipotente, ti chiediamo di benedire + questo sale come una volta hai benedetto il sale sparso sull’acqua dal profeta Eliseo1. Ovunque questo sale e quest’acqua siano sparsi, scaccia il potere del male e proteggici sempre con la presenza del tuo Santo Spirito. Concedi questo per Cristo nostro Signore. Amen.

Aggiunge il sale all’acqua.

Spruzza l’acqua sul popolo mentre dice:

P: Che quest’acqua richiami il nostro battesimo in Cristo, che con la sua morte e risurrezione ci ha redenti. Amen.

Il sale viene aggiunto perché è un agente purificatore contro il male2 (come indicato nella preghiera) e può aiutare a fermare l’acqua che si spegne.

1: Vedi II Re 2, Eliseo che guarisce le acque di Gerico.
2: Da qui l’usanza di gettare il sale sulla spalla sinistra, in faccia al diavolo seduto lì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *