Menu Chiudi

Com’è visitare il ‘Dr. M,’ il massaggiatore erotico per donne di New York

Illustrazione: Eugenia Loli

Negli ultimi 15 anni, un monolocale nel centro di Manhattan è stato la destinazione preferita dalle donne che cercano un po’ di relax a tu per tu. Il servizio di “tocco sensuale” (che viene fornito con un lieto fine) è amministrato da “Dr. M”, un uomo di 40 anni con un lavoro giornaliero e apparentemente mani molto, molto abili. The Cut ha parlato con tre delle sue clienti abituali sull’esperienza di ottenere un lieto fine.

“Ho avuto orgasmi multipli e ho fissato un secondo appuntamento per cinque giorni dopo”. -Ava, 25

Ho sempre avuto una fantasia sessuale su un massaggio che si trasforma in qualcosa di più. Ma ho pensato che non esisteva un servizio del genere. Un sabato a caso ho cercato su Google. Il sito web del Dr M è spuntato fuori e io ero come: Ho bisogno di questo.

Non ho problemi a trovare ragazzi con cui uscire, ma devo dire che mi sono annoiata sessualmente con la maggior parte dei ragazzi con cui sono stata. Lavoro a Wall Street e quando ho contattato il Dr. M per la prima volta, andavo a letto con un collega che era così cattivo. Non gli importava un cazzo se avevo un orgasmo. Ho mandato al Dr. M una mail e una mia foto circa due mesi fa. Penso che fossi in modalità “fanculo”.

Mi ha risposto via email e abbiamo parlato al telefono. È stato allora che mi ha spiegato che si sarebbe svolto nel suo appartamento e che sarebbe iniziato con un massaggio anti-stress su tutto il corpo. Ha detto che la parte più “sensuale” è complementare e completamente opzionale. Si dava il caso che avesse un posto libero qualche giorno dopo.

Ci siamo dati appuntamento allo Starbucks vicino al suo appartamento. Ero sollevato dal fatto che non fosse un vecchio untuoso o un giovane sexy scroccone. Proprio come dice sul suo sito web, è un quarantenne dall’aspetto medio, vestito con jeans e maglione. Ha fatto una conversazione amichevole mentre tornavamo al suo palazzo con il portiere e nel suo appartamento-studio che aveva luci soffuse, musica New Age e diffusori di olio. Non ero più nervoso quando mi ha detto di andare in bagno, togliermi i vestiti e mettere una vestaglia. Poi mi sdraiai su un lettino da massaggio a pancia in giù e lui iniziò a massaggiarmi le braccia e la schiena con olio di cocco riscaldato. Mi ha chiesto se ero pronta per lui a diventare un po’ più “sensuale”, il che significava toccare direttamente la mia vagina, le tette e il culo. Poi mi ha fatto capovolgere. Ha trovato immediatamente il mio punto G e io ero come, Porca puttana, questo non succede mai a meno che non sia io a farlo. Ho avuto orgasmi multipli e ho fissato un secondo appuntamento per cinque giorni dopo.

Non ho mai avuto un momento in cui ho dovuto dire “No, non voglio farlo…” Ovviamente lui può capire quanto ti stai bagnando. Sono rumoroso durante il sesso e all’inizio ero un po’ consapevole di questo. Lui ha detto “No, no, no mi piace …” A quanto pare mi muovo molto quando sto per venire, ad un certo punto mi ha detto che stavo per cadere dal tavolo.

Non ho nessun tipo di attaccamento a lui, ma è una presenza confortante. Posso concentrarmi sul mio piacere e non mi sento come “Ugh, Dio, dovrò girare sul suo cazzo in cambio.”

Da quando lo frequento sono più calma e sento molta meno urgenza con gli uomini. Non voglio uscire e fare sesso con un ragazzo diverso ogni due notti. Mi rende un po’ più selettiva. E non ho nessuna di quelle ansie da sesso del tipo: “Ugh, devo dormire da lui?” Oppure, “Oh no, sarà ancora qui la mattina?”

Non l’ho mai detto a nessuno e non ho intenzione di farlo. Non voglio doverlo spiegare e non voglio che i miei amici vadano a provarlo. Non voglio confrontare le sessioni, non voglio trasformarlo in una “cosa”. Questa è una delle poche cose che ho nella mia vita che è tutta mia.

“Non sono esattamente sicura di quello che fa, ma quando tocca la mia vagina per la prima volta, è come se stesse lentamente togliendo degli strati”. -Isabella, 40

La mia prima visita coincise con la fine di una relazione decennale. Non avevamo avuto alcuna forma di intimità per un anno e avevamo completamente smesso di parlare. Mi mancava l’affetto fisico ma non volevo avere una relazione. Credo di aver considerato che questo è moralmente diverso dal tradimento. Sono una mamma single e lavoro a tempo pieno. Sono impegnata e le relazioni mi sembrano solo uno sforzo.

Non c’è uno schema. Quando ho iniziato a vederlo andavo ogni poche settimane, ma in questi giorni è più come ogni pochi mesi.

Quando ho trovato il suo sito ho letto tutte le sue recensioni, e gli articoli su di lui. La sicurezza era la mia prima preoccupazione: mi sono trasferita a New York solo sei anni fa, quindi è ancora un posto che sto imparando a conoscere.

Ci siamo incontrati in uno spazio pubblico vicino al suo appartamento. Mentre facevamo due chiacchiere ho scoperto che lui ha famiglia nella mia città natale, che è molto piccola. Questo mi ha fatto rilassare e quando siamo saliti al piano di sopra mi sentivo a mio agio. Ho guardato nel suo appartamento un tavolo da massaggio che aveva preparato e mi sono sentita un po’ strana; a quel punto ero nervosa perché non l’avevo mai fatto prima, non perché ero preoccupata che mi attaccasse. Non sei seduto lì con una birra al buio o altro… Sei solo tu e il tuo corpo, è una posizione vulnerabile.

Ha spiegato di nuovo molto chiaramente che questo non è un massaggio profondo, credo per assicurarsi che fossimo sulla stessa pagina. Questo potrebbe essere molto imbarazzante. Ha spiegato che dopo lo “sfregamento” avrebbe tolto l’asciugamano e sarebbe andato in aree più private.

Dopo circa 20 minuti ho iniziato ad eccitarmi. All’inizio era difficile per me avere un orgasmo mentre ero sulla schiena, era troppo diretto. Mi passava per la testa il pensiero: “L’unica ragione per cui questa persona mi sta toccando è perché l’ho contattato attivamente e lo sto pagando per questo… Il modo in cui mi ha toccato la prima volta era un po’ clinico, forse era concentrato sull’apparire professionale? Non potevo avere un orgasmo quando ero sulla schiena. Il contesto era semplicemente fuori luogo. Ho avuto un orgasmo a pancia in giù, però.

Volevo riprovare una volta che la minaccia del non familiare fosse sparita. Così sono tornata tre settimane dopo: Andava sempre meglio.

Ora sono totalmente nel momento in cui mi tocca. Non sono esattamente sicura di quello che fa, ma quando tocca per la prima volta la mia vagina è come se stesse lentamente togliendo degli strati. Le mie sessioni includono il tocco esterno e clitorideo, ma lui usa le sue dita e va anche dentro di me. Non parla molto, credo che ascolti come il tuo corpo risponde al suo tocco. Ci sono state volte in cui ho avuto quattro orgasmi.

Due anni dopo, ho scoperto che in realtà è molto eccitante sapere che sono io ad istigare i nostri incontri. Sapere che io so che lui sa che io voglio questo mi eccita molto. Mi sento come se fossi al tempo stesso potente e sottomessa. Sono potente perché sto decidendo di vederlo, e l’attenzione è sul mio piacere, ma sono anche completamente nuda permettendo a lui di prendere il controllo.

Mi affeziono facilmente alle persone e devo accettare che questa non sarà una relazione. Non si tratta di intimità, come quella che si avrebbe con un amante o un fidanzato. È più come avere una connessione con qualcuno che non è disponibile – come una cotta che hai per qualcuno che sai di non poter avere – forse un insegnante o il marito di un’amica…

Penso, quanto tempo continuerò a vederlo? Mi dico che quando troverò qualcuno con cui voglio avere una relazione, mi fermerò.

“È così vanitoso eppure, è così perverso”. -Carrie, 60

Mio marito è stato malato di cancro per 12 anni prima di morire. Dopo la sua morte mi sono resa conto che il sesso non mi mancava tanto quanto il contatto e l’avere qualcosa da aspettare con ansia. Forse ancora di più, mi mancava essere vista.

Ho letto un articolo sul Dr. M e ho pensato, Gee … ci ho pensato per qualche settimana e poi finalmente gli ho mandato un’email dicendo, “Guarda … io non sono una cosa bionda di 20 anni …” Gli ho anche dato una piccola storia. Ha detto che l’età non ha importanza. Abbiamo parlato al telefono e mi sembrava di parlare con un vecchio amico.

Abbiamo preso un appuntamento e ho preso un taxi per il suo appartamento. Durante il tragitto verso i quartieri alti, stavo parlando con me stesso: “Dovrei andare avanti con questa cosa? Ho pensato, è un appartamento, ci sono i vicini, non è come andare in una casa nel Queens.

Erano passati tanti anni da quando ero stata nuda con un uomo. Mi ero messa della bella lingerie, ma non ci si spoglia per lui, ci si cambia in bagno. È così vanitoso, eppure è così perverso. Quella prima volta non è stata un’esperienza spiacevole, ma nemmeno soddisfacente. È molto consensuale. Lui diceva: “Ora ti tocco qui, va bene?” Ero presa a chiedermi: “Mi troverà attraente? Mi troverà attraente? Dopo un po’ una parte di me ha pensato: chi se ne frega se mi trova attraente? Che importa se pensa che sono troppo vecchia? … Non me ne frega un cazzo…

Ho sempre un orgasmo? Assolutamente no. Ma non c’è mai bisogno di scusarsi. Lui potrebbe dire: “Posso fare qualcosa di diverso per te?”. Non c’è bisogno di dire “Non hai fatto niente” e passare attraverso tutte quelle stronzate.

Quando compro della lingerie, a volte mi viene in mente lui. A volte penso a lui mentre mi masturbo. Sono contenta che faccia parte della mia vita, ma se dovesse andarsene, non sono sicura che mi mancherebbe.

Penso che per me il fascino principale sia l’eccitazione di stare per un’ora con qualcuno che non ha altro scopo che compiacerti. Non c’è niente di reciproco. Non ci sono quasi altre occasioni nella tua vita in cui questo è vero. Non devi sorridere. Non devi far sentire bene nessun altro. Ci sono poche cose buone che ti succedono nella vita che sono così egoiste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *