Menu Chiudi

Come sfrattare un coinquilino senza contratto d’affitto

Prendere un coinquilino può essere un ottimo modo per minimizzare le spese, ma a volte l’accordo semplicemente non funziona. Un rapporto ancora amichevole può significare che chiedere al coinquilino di andarsene è sufficiente. Tuttavia, la situazione diventa più complicata se tu come affittuario ufficiale e il coinquilino forse non autorizzato non possono andare d’accordo e il coinquilino si rifiuta di andarsene.

Il contratto di affitto

È importante capire i termini del contratto di affitto. Di solito, un contratto d’affitto esiste tra un padrone di casa e un affittuario che è nominato nel contratto d’affitto. Il contratto può includere il nome di più di un inquilino, nel qual caso tutte le parti sono inquilini autorizzati. In questa situazione, rimuovere un coinquilino è praticamente impossibile fino alla scadenza del contratto. Tuttavia, quando il coinquilino non è nominato nel contratto, la situazione è diversa. Quando il padrone di casa non ha accettato o non è a conoscenza della presenza di un coinquilino, non puoi contare sulla sua assistenza. Potresti essere in grado di fornire al coinquilino un avviso scritto di sfratto, fornendogli un termine di 30 giorni entro il quale deve lasciare i locali. Assicurati solo di conservarne una copia nel caso in cui tu abbia bisogno di intensificare le cose con una causa legale in seguito. Se i 30 giorni passano e il vostro coinquilino non ha lasciato i locali, potreste avere le basi per un’azione legale.

Trasmettere la controversia al padrone di casa

Si può anche fare appello al padrone di casa per assistenza se ha chiuso un occhio sulla presenza del tuo coinquilino o ha tacitamente accettato il tuo diritto ad avere un coinquilino. Come proprietario dell’immobile, il padrone di casa può presentare una denuncia per violazione di domicilio che può essere efficace. D’altra parte, il padrone di casa può scegliere di sfrattare tutti dalla proprietà, compreso te.

Evitare problemi di sfratto

Di solito è più sicuro avere tutti gli inquilini come parti del contratto di affitto. Alcuni padroni di casa potrebbero non richiederlo, ma ha senso tenerli informati su chi vive nello spazio. Se il tuo coinquilino non sarà parte del contratto d’affitto ufficiale, fagli firmare un accordo scritto con te che tratta i termini e le condizioni della sua residenza. Se vuoi, puoi ampiamente copiare i termini del tuo contratto d’affitto con il padrone di casa. Assicuratevi che entrambi abbiate delle copie del contratto, e assicuratevi che lo sfratto sia trattato nel documento.

Altro su questo argomento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *