Menu Chiudi

Cosa significa essere immunocompromessi? E perché questo aumenta il rischio di coronavirus?

Immunocompromesso è un termine ampio che riflette il fatto che il sistema immunitario di qualcuno non è forte ed equilibrato come dovrebbe essere.

Perché il sistema immunitario delle persone immunocompromesse è difettoso o inefficace, non è in grado di fermare l’invasione e la colonizzazione da parte di intrusi stranieri, compreso il virus SARS-CoV-2, che causa la COVID-19.

Una risposta immunitaria inefficace lascia le persone suscettibili all’infezione, ma i sintomi gravi in alcune persone sono in realtà causati da un’enorme risposta immunitaria che si estende a tutto il corpo.

Le ragioni di questo sono varie, e possono essere complesse e intrecciate.

Baca juga: Coronavirus: quanto tempo ci vuole per ammalarsi? Quanto è infettivo? Si avrà sempre la febbre? Le basi del COVID-19 spiegate

Cosa causa un sistema immunitario compromesso?

Le immunodeficienze primarie si presentano quando qualcuno nasce con una condizione che colpisce direttamente il suo sistema immunitario. Queste malattie sono rare e di solito diagnosticate all’inizio della vita. Includono l’immunodeficienza variabile comune, l’immunodeficienza combinata grave e l’agammaglobulinaemia X-linked.

Le immunodeficienze secondarie sono più comuni e sorgono come conseguenza di fattori esterni. L’esposizione a tossine ambientali, compresi alcuni pesticidi, metalli pesanti, prodotti petrolchimici e inquinanti atmosferici come il fumo di sigaretta, può ridurre l’efficacia del sistema immunitario, in particolare sulla superficie del polmone.

Baca juga: il fumo aumenta il rischio di coronavirus. Non c’è mai stato un momento migliore per smettere

Anche una cattiva alimentazione e l’abuso di droghe e alcol possono compromettere l’immunità, così come i farmaci, l’età e persino la gravidanza.

Malattia e lesioni

Alcune malattie e lesioni possono causare l’immunodeficienza. Queste sono anche classificate come immunodeficienze secondarie. Questo include la sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) come conseguenza dell’infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV), gravi ustioni, e non avere una milza funzionale. Questo organo è cruciale per la filtrazione del sangue e il coordinamento della risposta immunitaria.

Anche i tumori del midollo osseo e dei globuli bianchi, come la leucemia e il linfoma, possono causare immunodeficienza.

La chemioterapia inabilita ulteriormente il sistema immunitario.

Il midollo osseo e i globuli bianchi di solito combattono le infezioni. Il trattamento di questi tumori è comunemente quello di eliminare tutti i globuli bianchi con la chemioterapia. Questo inabilita ancora di più il sistema immunitario.

Le prime informazioni sul COVID-19 in un piccolo numero di pazienti affetti da cancro in Cina suggeriscono che essi hanno un rischio maggiore di contrarre il coronavirus e di sviluppare una grave malattia.

Medicinali

Come la chemioterapia, altri farmaci possono portare ad uno stato di immunocompromissione. Questi farmaci sono chiamati immunosoppressori.

Le persone che ricevono trapianti d’organo sono un gruppo che ha bisogno di prendere immunosoppressori. Questo smorza il loro sistema immunitario in modo che non possa reagire e rigettare il trapianto del donatore.

Anche le persone con malattie autoimmuni, che fanno sì che il sistema immunitario attacchi le cellule e i tessuti del corpo, usano questi farmaci. Tra il 2% e il 7% della popolazione ha una malattia autoimmune, come la sclerosi multipla, il diabete di tipo I, il lupus, l’artrite reumatoide e la sindrome di Sjögren, per nominarne alcune.

Baca juga: Cos’è l’artrite reumatoide, la condizione con cui vive la campionessa di tennis Caroline Wozniacki?

È troppo presto per conoscere l’impatto degli immunosoppressori sulla COVID-19, ma dalle regioni colpite arrivano prove aneddotiche.

Nel Nord Italia, per esempio, due destinatari di trapianto di rene sono stati trattati per COVID-19. I medici dell’ospedale hanno rapidamente cambiato i loro soliti farmaci immunosoppressivi con farmaci che sopprimono più specificamente le parti del sistema immunitario che sembrano andare in tilt in questa infezione. Un paziente è guarito, l’altro no.

Gli steroidi sono gli immunosoppressori più comunemente usati – l’1-2% della popolazione nei paesi sviluppati li prende, e il tasso è molto più alto nei paesi in via di sviluppo dove l’accesso a farmaci più sofisticati è limitato.

Sperimentazioni cliniche sono attualmente in corso per valutare se gli steroidi potrebbero effettivamente proteggere le persone contro la grave risposta immunitaria legata alla malattia grave nel COVID-19.

Ma finché i risultati non saranno chiari, l’uso di steroidi non è raccomandato per trattare la COVID-19.

Età

L’età è un elemento chiave da considerare quando si pensa al nostro sistema immunitario e alla sua capacità di funzionare in modo ottimale.

Un neonato non avrà un sistema immunitario maturo per proteggere il suo corpo dagli invasori. In questo contesto, il latte materno sarà una fonte preziosa di anticorpi per aiutare a combattere i virus.

Gli anticorpi nel latte materno aiutano i neonati a combattere le infezioni.

Dall’altro lato, le persone anziane sono anche considerate immunocompromesse, in quanto hanno un sistema immunitario invecchiato e indebolito, non abbastanza in forma per iniziare e vincere una battaglia. Di conseguenza, gli anziani sono più suscettibili di contrarre un’infezione sintomatica da coronavirus.

COVID-19 può diventare grave quando le persone anziane hanno problemi di salute sottostanti che indeboliscono gli organi che sono sollecitati dall’infezione da coronavirus, come il cuore e i polmoni.

Gravidanza

La gravidanza indebolisce il sistema immunitario delle donne.

Nel corso della nostra evoluzione, abbiamo sviluppato un necessario stato di immunosoppressione durante la gravidanza. Questo perché nel corpo della madre incinta c’è un organismo con parti che sembrano estranee alla madre, codificate dal DNA dell’altro genitore biologico.

Baca juga: Coronavirus in gravidanza o durante il parto: ecco cosa devi sapere

La soppressione naturale del sistema immunitario durante la gravidanza impedisce al sistema immunitario della madre di montare una risposta contro il bambino.

Le prime informazioni che abbiamo sulla gravità del COVID-19 in gravidanza sono incoraggianti, anche se è ancora troppo presto per conoscere la storia completa.

Cosa dice la ricerca finora?

Ci sono alcuni primi rapporti che emergono da aree fortemente colpite su come il COVID-19 differisce in prevalenza e gravità tra le persone immunocompromesse.

Il mondo è stato preparato a preoccuparsi che queste persone contraggano il COVID-19 perché sono più suscettibili a gravi malattie quando vengono infettate con la gamma di virus che di solito causano malattie respiratorie, compresi i comuni raffreddori.

Tuttavia, poiché la malattia grave nel COVID-19 è in realtà il risultato di risposte immunitarie eccessive, le persone immunocompromesse non sembrano presentare una malattia più grave della popolazione generale.

Vale la pena di esplorare ogni caso, però, e rivedere la nostra comprensione man mano che le prove emergono.

Le persone con un sistema immunitario compromesso possono avere maggiori probabilità di contrarre il coronavirus, ma non possono contrarlo più gravemente.

Finora in un ospedale chiave di Bergamo, nella zona rossa dell’epidemia italiana COVID-19, nessuno dei pazienti immunocompromessi che sono risultati positivi al coronavirus ha sviluppato una malattia grave.

Nel frattempo, una donna di 47 anni di Wuhan che stava prendendo steroidi per sopprimere la sua malattia autoimmune lupus, ha contratto il coronavirus e non si è ammalata. Ma il suo sistema immunitario compromesso non ha potuto eliminare efficacemente il virus e lo ha diffuso a suo padre e a sua sorella prima di risultare positiva al test.

Mentre questo dà la speranza che le persone immunocompromesse potrebbero non essere in difficoltà come avevamo previsto, potrebbero volare sotto il radar, raccogliendo il virus e diffondendolo pur rimanendo asintomatici.

Gli individui immunocompromessi possono anche essere a rischio di perdere contro il coronavirus attraverso la competizione indiretta per il trattamento e i farmaci che permettono loro di condurre una vita relativamente normale.

Baca juga: Come uccide il coronavirus?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *