Menu Chiudi

Il grasso di pancetta va a male? – LPC

Cuocere il bacon e il grasso di bacon vanno di pari passo. Un vero fan della colazione a base di uova e bacon deve aver notato le tonnellate di grasso rimaste nella padella. Quando si cuoce correttamente il bacon, un sacco di grasso si scioglie. Questo grasso è il grasso della pancetta e può essere conservato e usato in seguito per cucinare.

Trasferire il grasso dalla padella a un contenitore è garantito essere un’azione disordinata, che scoraggia molte persone dal farlo (e chi può biasimarle, davvero). Fortunatamente per tutti, il grasso di pancetta può essere acquistato preconfezionato nei supermercati. Se vedete che conservare il grasso rimanente è troppo disordinato, questa è un’ottima opzione.

Il grasso di pancetta ha un sapore caratteristico e affumicato. Sostituire l’olio o il burro con il grasso di pancetta può completare molti pasti. Friggere o cuocere con il grasso darà un sapore in più a tutto ciò che si intende fare. Molte persone lo usano per cucinare, ma si chiedono se il grasso di pancetta va a male?

Se non hai mai conservato il grasso di pancetta prima o stai iniziando in cucina, probabilmente hai almeno qualche domanda. Queste domande sono sicuramente: come conservare il grasso di pancetta e quanto tempo dura. Non preoccuparti, ti copriamo le spalle – quindi continua a leggere per trovare le risposte!

Domanda correlata:

  • Il burro va a male?
  • Il lardo va a male?
  • Puoi mangiare la pancetta di tacchino su Paleo?

Come conservare il grasso di pancetta

La corretta conservazione di qualsiasi alimento ti assicurerà il valore dei tuoi soldi. Se lo stai conservando male, potresti effettivamente accorciare la durata di conservazione delle tue merci, e scommettiamo che non lo vuoi.

Perciò, parleremo della conservazione del grasso di pancetta. La pancetta ben cotta lascerà una sostanza completamente chiara e liquida. Attenzione, il grasso di pancetta diventa bianco solido e cremoso quando si raffredda, con una consistenza simile al burro a temperatura ambiente.

Quando si conserva il grasso, dovrebbe essere privo di qualsiasi residuo di pancetta. Se invece non lo fosse, filtrare con un colino o un panno di cotone per eliminare il cibo rimasto nella pentola.

Scegliete un contenitore o un barattolo per conservare il grasso di pancetta. Se hai intenzione di conservarlo in frigorifero, usa un barattolo o una ciotola. Assicurati che il contenitore scelto sia a prova di calore prima di versarvi il grasso di pancetta (o che il tuo grasso di pancetta si sia raffreddato un po’). Copri il barattolo o la ciotola con un foglio di alluminio o una pellicola elastica.

Puoi conservare il tuo grasso di pancetta anche nel congelatore. Assicurati di usare un contenitore ermetico o un barattolo con un coperchio. Per scongelarlo prima dell’uso, spostalo in frigorifero e lascialo per una notte. Una volta scongelato, il grasso di pancetta non dovrebbe essere rimesso nel congelatore, ma utilizzato nei giorni successivi.

Inoltre, puoi conservare il tuo grasso di pancetta nella dispensa, ma la qualità inizierà a diminuire più velocemente rispetto alle altre alternative menzionate in questo articolo. Se questa è l’opzione che decidi che funziona meglio per te, versa il tuo grasso avanzato in un contenitore ermetico.

Anche qualcosa da tenere a mente: ogni volta che cucini e ottieni del grasso di pancetta, usa ogni volta un nuovo contenitore. Potrebbe sembrare fantastico e salvaspazio, ma vi assicuriamo che non lo è. Mescolare due grassi diversi non è mai una buona idea, perché l’aggiunta fresca adotterà le caratteristiche del grasso meno fresco nel frigorifero.

Utilizzare un nuovo contenitore ogni volta che si conserva il grasso di pancetta è l’idea migliore. Anche se, se sei determinato a usare lo stesso barattolo, assicurati di cambiare il barattolo ogni 3-6 mesi per i migliori risultati.

Consiglio extra: usa sempre un cucchiaio asciutto e pulito per raccogliere il grasso di pancetta.

Quanto dura il grasso di pancetta?

Ti starai chiedendo questo da quando hai deciso di conservare il grasso di pancetta. Quanto tempo hai a disposizione prima di doverlo usare per ottenere risultati di cottura soddisfacenti?

Se hai fatto la scelta di usare il grasso di pancetta comprato in negozio, basta controllare l’etichetta sulla scatola. Lì potete vedere una data di scadenza. La data di scadenza di solito significa che il produttore può garantire la stessa qualità del prodotto fino a quella data (specificata sulla scatola). Dopo quella data, il prodotto non dovrebbe rovinarsi, ma solo perdere alcune delle sue caratteristiche.

Siccome la data di scadenza non significa che il vostro grasso di pancetta si rovinerà presto, avete almeno un paio di mesi dopo la data specificata. E se il tuo contenitore di grasso ha solo una data di produzione stampata, hai circa 2 anni per consumarlo.

Il concetto è un po’ diverso quando si tratta di grasso di pancetta fatto in casa, però. Non ci sono raccomandazioni ufficiali o fatti scientifici. Molte persone aggiungeranno e prenderanno grasso di pancetta dallo stesso barattolo per anni. Alcuni cercheranno anche di convincerti che non ha una data di scadenza, che dura per sempre.

Il grasso di pancetta conservato nella dispensa ha la durata di conservazione più breve – circa sei mesi. La situazione è un po’ migliore quando si tratta di refrigerare il grasso di pancetta, hai circa un anno per spenderlo tutto.

Fatto molto importante da ricordare: questi sono solo calcoli approssimativi e dovresti sempre controllare la freschezza del tuo grasso di pancetta prima di iniziare a cucinare con esso.

Il grasso di pancetta va a male?

Il grasso di pancetta può, infatti, andare a male. Il grasso di pancetta si deteriora quasi esclusivamente a causa di una conservazione impropria. Il grasso di pancetta conservato in modo appropriato può durare molto a lungo se si seguono le istruzioni di cui sopra parola per parola.

Il grasso di pancetta è tutto grasso (ovviamente), rendendolo teoricamente impossibile da rovinare. Tuttavia, fattori esterni possono influenzare la vostra aggiunta preferita ai pasti e farla diventare rancida. L’irrancidimento è un processo di ossidazione dei lipidi (o grassi). Questo accade quando il grasso è esposto all’ossigeno, che lo fa deteriorare nel gusto e nella qualità. Come già detto, è necessario conservare il grasso di pancetta sempre coperto, indipendentemente dalla temperatura del luogo in cui viene conservato.

Per quanto riguarda il grasso di pancetta fatto in casa, ci sono alcune cose da sapere. Prima di tutto, questa variante di grasso di pancetta è più facile da rovinare rispetto a quella acquistata in negozio. Perché? Perché quello acquistato in negozio viene pulito e filtrato a fondo per rimuovere ogni residuo di pancetta. Il grasso di pancetta fatto in casa può rimanerne un po’, non importa quanto duramente ci provi, e diventare comunque rancido.

Una volta che si usa il grasso di pancetta per cucinare, questo è tutto. Non consigliamo di riutilizzare il grasso, perché il grasso può assorbire i sapori del cibo nella padella e anche alcuni microbi.

Vedi anche: Come capire se la pancetta è cattiva?

Il modo migliore per dire che il tuo grasso di pancetta è andato a male

Il tuo grasso di pancetta ti sembra un po’ sospetto, e vuoi controllare se è passato o ancora fresco. Leggi attentamente questa parte per scoprirlo.

Ancora una volta, se conservi il tuo grasso di pancetta seguendo le istruzioni di cui sopra, è improbabile che si rovini. E se hai ancora paura che la freschezza sia stata compromessa, ci sono alcuni modi per scoprirlo.

Cercare la presenza di muffa sulla parte superiore del grasso. La muffa cresce in luoghi umidi, quindi è una regola generale controllare l’intero scaffale per la muffa. Se riesci a individuare la muffa (cerca delle decolorazioni), butta via il grasso di pancetta immediatamente.

Il passo successivo è quello di annusare il vostro grasso di pancetta – cioè, cercare la rancidità. Il grasso di pancetta rancido è seguito da un odore sgradevole. Questo è un segno che il vostro grasso di pancetta non è più fresco e ha anche un cattivo sapore. Il grasso irrancidito non è dannoso per la salute umana. Tuttavia, ti sconsigliamo di usare il grasso di pancetta rancido perché renderà anche il tuo cibo di cattivo gusto.

Consiglio: quando butti via il grasso di pancetta, la cosa migliore è versarlo in una lattina vuota o in una bottiglia di latte vuota e gettarlo nella spazzatura, piuttosto che versarlo nello scarico (può intasare le tubature).

In conclusione

Quello che è così bello nel cucinare il bacon a colazione è il sottoprodotto. Il grasso di pancetta è una conseguenza gustosa che puoi usare per i tuoi prossimi pasti. Il grasso di pancetta dà al tuo cibo un suono saporito, ed è per questo che è così popolare per cucinare.

Allora, il grasso di pancetta va a male? Il grasso di pancetta non è facile che vada a male, ma assicurati che le condizioni del tuo magazzino e del contenitore siano all’altezza. Il grasso di pancetta ben conservato può durare a lungo, fino a un anno. Ricordati sempre di chiudere bene il coperchio.

Per cucinare con il grasso di pancetta, prenditi qualche momento prima per controllarlo. Guardalo attentamente. Qualsiasi vista di muffa è una minaccia e non dovresti mai prendere in considerazione l’idea di usare questo grasso di pancetta! La muffa ti farà ammalare, quindi fatti un favore e buttalo via.

Se ti sembra buono, annusalo. Se non ha un odore o un aspetto diverso dal solito, non c’è motivo di preoccuparsi. Metti questo grasso di pancetta nella padella e inizia a cucinare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *