Menu Chiudi

Non dovresti mai scaldare il tè al microonde. Ecco perché

C’è una ragione in più perché microonde acqua per il tè dovrebbe essere evitato se possibile, e questo motivo può essere ancora più convincente dal momento che si basa più sulla sicurezza di qualità del tè. In effetti, potreste aver già sperimentato questo fenomeno spaventoso in cui si zap una tazza d’acqua, cadere in una bustina di tè, e poi cosa è appena successo? Improvvisamente la tua tazza trabocca, spargendo liquido caldo ovunque come un mini vulcano d’acqua. Se non fai un salto indietro nel tempo, potresti ritrovarti con qualche brutta ustione.

Se pensavi che questo fosse qualcosa che succedeva solo a te, forse perché la tua famiglia è sotto qualche antica maledizione legata al microonde che risale al tempo in cui hai provato a cuocere una Pop-Tart nell’involucro di alluminio, ma non c’è bisogno di assumere un esorcista. Si tratta in realtà di un fenomeno reale chiamato acqua surriscaldata, secondo il sito web della General Electric. (Dicono che queste informazioni possono anche essere trovate nel manuale del vostro microonde, anche se chi di noi ha mai letto quel dannato affare?)

Evidentemente i liquidi cotti al microonde possono raggiungere il punto di ebollizione senza formare bolle, ma poi una volta che il liquido viene agitato (come quando si inserisce una bustina di tè), si formeranno delle bolle e uscirà dalla tazza. GE raccomanda che, per evitare questo, non si riscalda mai nessun liquido per più di 2 minuti, e poi si lascia la tazza nel microonde per 30 secondi prima di toccarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *