Menu Chiudi

Questo inquietante manicomio del New Jersey è ancora in piedi… e ancora inquietante

NJ

Posted in New Jersey January 19, 2016 by Kristen

Ci sono stati diversi istituti psichiatrici statali in New Jersey che hanno chiuso le loro porte nel corso degli anni, ognuno con una storia agghiacciante. Molti di noi conoscono bene il famigerato Greystone Park a Morristown, e l’Overbrook Insane Asylum a Cedar Grove è stato usato come set per l’adattamento sullo schermo di Choke di Chuck Palahniuk. In queste istituzioni, tra le altre del New Jersey, sono successe cose orribili, ma non ci sono più. Rimangono solo alcuni manicomi, e uno dei più terrificanti è ancora in uso.

Siamo consapevoli che questi tempi incerti stanno limitando molti aspetti della vita. Mentre continuiamo a presentare le destinazioni che rendono il nostro stato meraviglioso, per favore prendete le dovute precauzioni o aggiungetele alla vostra lista di cose da vedere in un secondo momento. Se conosci un’azienda locale che potrebbe avere bisogno di un sostegno extra in questo periodo, nominala qui: onlyinyourstate.com/nominate
Trenton Psychiatric Hospital, aperto nel 1848, fu il primo ospedale psichiatrico pubblico del New Jersey. Nel corso degli anni ha assunto diversi nomi, tra cui Trenton State Hospital e The New Jersey Lunatic Asylum. La struttura fu fondata da Dorothea Dix, un’attivista e sostenitrice dei malati mentali. Mentre lo scopo era quello di aiutare a curare e riabilitare i pazienti con problemi psichiatrici, il manicomio prese una piega oscura dopo che il dottor Henry Cotton prese il controllo della struttura nel 1907.
Il mandato del dottor Cotton come direttore iniziò bene. Pensatore progressista, eliminò le costrizioni meccaniche, istituì la terapia occupazionale e diede la priorità alla sicurezza dei pazienti. Purtroppo, nel 1913, sviluppò una teoria inquietante. Dopo aver scoperto che la sifilide non trattata poteva portare alla malattia mentale, credette che l’infezione fosse la causa di tutti i disturbi psichiatrici.
Ha usato la chirurgia come trattamento, menomando e mutilando inutilmente i pazienti, spesso rimuovendo denti, cistifellee, porzioni significative dello stomaco, tratti di colon, e vari altri organi. Mentre dichiarava un tasso di guarigione dell’85%, molti dei suoi “trattamenti” risultarono fatali. Anche se il dottor Cotton morì nel 1933, molte delle sue pratiche immorali e disumane rimasero standard nella struttura fino agli anni ’60.
Quando l’ospedale abbandonò i suoi metodi raccapriccianti, molte ali furono abbandonate e lasciate cadere in rovina. Tuttavia, un ospedale psichiatrico pienamente operativo e una struttura correzionale rimangono sul terreno. Attualmente, la struttura sta affrontando la sua giusta quota di controversie.
Un’analisi dei dati dell’ospedale statale (da parte dell’Express-Times) dal 2005 al 2010 mostra che Trenton ha registrato i più alti tassi di violenza e di costrizione dei pazienti rispetto agli altri ospedali psichiatrici statali del New Jersey. Inoltre, nello stesso lasso di tempo, ci sono state 157 aggressioni tra pazienti che hanno causato lesioni gravi negli ospedali psichiatrici del New Jersey (allora cinque). Questi dati, che provengono dal sito web del Dipartimento dei Servizi Umani dello stato, mostrano che 112 (71%) di questi incidenti si sono verificati al Trenton Psychiatric Hospital.

Anche se le parti abbandonate della struttura non sono aperte al pubblico, questo video di Abandoned New Jersey vi porterà attraverso il manicomio, fornendo uno sguardo inquietante su come era la vita nell’istituzione prima dell’inizio dei moderni trattamenti psichiatrici.

Non si possono negare gli orrori che avvenivano qui, poiché non erano tenuti segreti; il dottor Cotton pubblicava con orgoglio documenti sulle sue pratiche e scoperte. La storia del manicomio del New Jersey è veramente terrificante ed è servita come soggetto per numerose notizie, libri e persino film. Manicomio: A Tragic Tale Of Megalomania And Modern Medicine di Andrew Scull, dettaglia l’inquietante eredità del dottor Henry Cotton in profondità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *