Menu Chiudi

Romeo e Giulietta: Non un racconto shakespeariano dopo tutto

Il famosissimo Romeo e Giulietta di William Shakespeare (scritto tra il 1591 e il 1595) rimane nella storia come una delle più grandi storie d’amore mai scritte. È stato raccontato molte volte nei teatri e nelle sale teatrali ed è ricco di adattamenti cinematografici di interpretazioni sia tradizionali che moderne. È molto interessante scoprire, quindi, che Romeo e Giulietta non era, in realtà, veramente di sua creazione, ma piuttosto una variazione su una storia raccontata molte volte dal 1400 in poi.

Incentrata sul tema degli innamorati incrociati, preso in prestito da poeti risalenti all’antica Grecia, la storia di Romeo e Giulietta è stata raccontata almeno un secolo prima che Shakespeare la scrivesse. Questo articolo intende dare un breve sguardo a questi particolari racconti, che alla fine culminarono nella celebre opera del Bardo.

Un riassunto di Romeo e Giulietta di Shakespeare

Shakespeare Birthplace Trust fornisce questo eccellente breve riassunto della famosa opera del Bardo, Romeo e Giulietta :

“Un’antica vendetta tra due potenti famiglie scoppia in un bagno di sangue. Un gruppo di Montecchi mascherati rischia un ulteriore conflitto irrompendo in una festa dei Capuleti. Un giovane Romeo Montague, malato d’amore, si innamora immediatamente di Giulietta Capuleti, che deve sposare Paris, la scelta di suo padre. Con l’aiuto della balia di Giulietta, le donne fanno in modo che la coppia si sposi il giorno dopo, ma il tentativo di Romeo di fermare una rissa in strada porta alla morte del cugino di Giulietta, Tybalt, per cui Romeo viene bandito. In un disperato tentativo di ricongiungersi con Romeo, Giulietta segue la trama del frate e finge la propria morte. Il messaggio non riesce a raggiungere Romeo, e credendo Giulietta morta, si toglie la vita nella sua tomba. Giulietta si sveglia e trova il cadavere di Romeo accanto a lei e si uccide. La famiglia in lutto si accorda per porre fine alla loro faida”.

It is an enthralling and tragic tale, but Shakespeare didn’t come up with the plot for his play alone. Actually, it’s based on several older stories and some of them have very similar elements.

Early Versions of the ‘Romeo and Juliet’ Plot

The first certain tale of the woes of Romeo Montague and Juliet Capulet descends from Italian author Masuccio Salernitano (1410-1475). Published a year after his death, Salernitano’s 33rd chapter of his Il Novellino tells of Mariotto and Giannoza, a pair of lovers who come from the feuding families of Maganelli and Saraceni respectively. In this account, their love affair takes place in Siena, Italy rather than in Verona and is believed to have occurred contemporary with Salernitano’s time.

Come nella versione di Shakespeare, Mariotto e Giannoza si innamorano e si sposano segretamente con l’aiuto di un frate Agostino. Poco dopo, Mariotto ha una discussione con un altro nobile cittadino – in questo caso, non il cugino del suo amore – e uccide il nobile, con il risultato che lui fugge dalla città per evitare la pena capitale. Giannoza, sconvolta, è confortata solo dal fatto che Mariotto ha una famiglia ad Alessandria d’Egitto e vi trova una buona sistemazione.

Tuttavia, il suo stesso padre, ignaro del suo matrimonio, decide che è ora che lei prenda marito, mettendola in una posizione terribile. Con l’aiuto del frate che l’aveva sposata e di Mariotto, Giannoza beve una pozione soporifera che la fa sembrare morta, in modo da poter uscire di nascosto da Siena per riunirsi al marito ad Alessandria. Naturalmente questo piano va terribilmente storto, e la sua lettera per spiegare il loro piano a Mariotto non lo raggiunge mai, anche se la notizia della sua morte arriva rapidamente.

Mentre lei fugge ad Alessandria per riunirsi finalmente con lui, Mariotto torna a Siena – rischiando la sua stessa vita per vedere il suo cadavere un’ultima volta. È allora che viene catturato e portato al patibolo per i suoi precedenti crimini, decapitato tre giorni prima del ritorno in città della stessa Giannoza. Giannoza allora, con il cuore spezzato, si consuma di cuore, presumibilmente per essere finalmente riunita al suo amato marito in cielo.

Come il racconto di Shakespeare in cui Romeo trova Giulietta addormentata ma la crede morta, la prima storia di Salernitano contiene una scena in cui Mariotto trova il corpo addormentato di Giannoza, e crede che sia morta's earlier story contains a scene in which Mariotto finds the sleeping body of Giannoza, and believes she has died

Come il racconto di Shakespeare di Romeo che trova Giulietta addormentata ma la crede morta, la storia precedente di Salernitano contiene una scena in cui Mariotto trova il corpo addormentato di Giannoza, e crede che sia morta. ( Pubblico dominio )

Come si può vedere, ci sono molti elementi simili tra il racconto di Shakespeare e quello di Salernitano. I temi delle famiglie in lotta, l’amore proibito, la pozione per dormire e il terribile incidente di comunicazione portano tutti al finale parallelo della morte reciproca degli innamorati. Scrivendo a soli cento anni di distanza, Shakespeare potrebbe essersi imbattuto nell’opera di Salernitano, o in una delle molte altre varianti che furono scritte prima che la storia raggiungesse la scrivania del Bardo.

Luigi da Porta negli anni 1530 scrisse una compilazione simile, raccontando la storia di Romeo Montechhi e Giulietta Cappelleti, spostando l’ambientazione della loro vita da Siena a Verona – lo stesso luogo dove Shakespeare l’avrebbe collocata. La coppia si sposa di nuovo in segreto con l’aiuto di un frate, solo per essere divisa dall’uccisione accidentale del cugino di Giulietta da parte di Romeo e dalla loro successiva morte: Romeo per il sonnifero di Giulietta, e Giulietta trattenendo il respiro per poter morire con lui.

  • Le opere di Shakespeare sono state ispirate dalla cannabis? Gli scienziati trovano tracce di droga sulle pipe
  • Il Romeo e Giulietta preistorici vivevano separati: Ma perché? Il popolo delle rive e il popolo delle colline
  • Romeo e Giulietta del Neolitico? Gli amanti incrociati di Valdaro

Romeo e Giulietta sono sposati da un frate, proprio come Romeo e Giulietta nell’opera di Luigi da Porta. (Pubblico Dominio)

Le maggiori ispirazioni di Shakespeare per Romeo e Giulietta

Dopo da Porta venne Matteo Bandello (1480-1562), un monaco e un autore che portò i racconti di da Porta e Salernitano ancora più lontano. Fu l’autore italiano a cui si attribuisce più direttamente l’influenza di Shakespeare, poiché Bandello introduce molti dei temi specifici che rendono l’opera di Shakespeare così ben nota oggi. La versione di Bandello, pur essendo per molti versi paragonabile al testo di Salernitano, fornisce i ben noti cognomi di Montague e Capulet ai due personaggi titolari.

Bandello aggiunse anche l’elemento del ballo in costume, in cui Romeo e Giulietta si incontrano, e anche il momento pertinente in cui Giulietta si uccide brutalmente con il pugnale del suo amante in modo che possa unirsi a Romeo nell’aldilà, piuttosto che deperire come fece Giannoza. Si ritiene che il racconto di Bandello sia stato seguito da vicino dall’autore francese Pierre Boaistuau, la cui versione fu poi tradotta in inglese da Arthur Brooke come un poema chiamato The Tragicall Historye of Romeus and Juliet nel 1562. Questa traduzione inglese fu il testo effettivo che arrivò sulla scrivania di Shakespeare.

  • Sandalo reale alla corte della regina di Danimarca-Norvegia
  • Il bacio eterno degli amanti Hasanlu solleva questioni di amore antico: Romanticismo, Bromance o qualcosa di più familiare?
  • Omicidio nella tenuta di Eden Brown – Un altro paradiso perduto

Romeo e Giulietta si incontrano a un ballo in costume, proprio come i giovani amanti si incontrano nella storia di Bandello.

Romeo e Giulietta si incontrano a un ballo in costume, proprio come i giovani amanti si incontrano nella storia di Bandello. ( Pubblico dominio )

Romeo e Giulietta è basato su una storia vera?

Molti studiosi shakespeariani, ben informati su questi precedenti tesori letterari, hanno anche raccolto prove che il Bardo potrebbe aver tratto i personaggi di Romeo e Giulietta dalla sua stessa vita. Si pensa che un mecenate di Shakespeare, Henry Wriothesley, 3° conte di Southampton, abbia ispirato il carattere del Romeo di Shakespeare, ulteriormente implicato perché la sua matrigna discendeva dal visconte Montagu.

Henry Wriothesley ebbe anche una relazione non approvata con la donna Elizabeth Vernon, dato che quando la notizia del loro matrimonio arrivò alle orecchie della regina Elisabetta I, la regina li mise entrambi in prigione perché la loro unione era una minaccia politica al suo regno. A differenza dei veri Romeo e Giulietta – in ogni storia – il conte e Vernon poterono poi vivere “felici e contenti” fuori dalle mura della prigione, eppure si ritiene che anche questa indesiderabile unione politica abbia influenzato gli scritti del Bardo.

Henry Wriothesley ed Elizabeth Vernon - la loro storia ha influenzato Shakespeare?

Henry Wriothesley ( Pubblico Dominio ) ed Elizabeth Vernon ( Pubblico Dominio ) – erano loro i veri Romeo e Giulietta?

Trasformare la letteratura romantica

Nonostante le numerose versioni della storia di Romeo e Giulietta che hanno preceduto William Shakespeare, non si può negare che sia stata la sua opera a trasformare la loro storia d’amore in una delle più grandi storie mai conosciute. Il Bardo può aver preso in prestito pesantemente da Salernitano, Bandello e Brooke, ma il pubblico a cui la sua opera fu presentata prese il testo nel cuore e lo diffuse in tutta l’Inghilterra elisabettiana finché i nomi dei personaggi del titolo divennero intercambiabili con il mantra “meant to be”.

L’affetto imperituro di Romeo Montague e Giulietta Capuleti e i successivi suicidi hanno reso immortale la storia appassionata, che rimane una delle principali ispirazioni della moderna letteratura romantica.

Immagine in alto: Dettaglio di ‘Romeo e Giulietta’ (1884) di Frank Dicksee. Fonte: Public Domain

Di Ryan Stone

Aggiornato l’11 giugno 2020.

Delahoyde, Michael. “La storia tragica di Romeus e Giulietta”. Washington State University . 9 febbraio 2015. Accesso 27 maggio 2015. http://public.wsu.edu/~delahoyd/shakespeare/romeus.html

Salernitano, Masuccio. The Novellino of Masuccio (Lawrence and Bullen: London, 1895.)

“A Note About Adaptation and Source Texts for Romeo and Juliet “. Canadian Adaptations of Shakespeare Project. 2007. Accesso 29 maggio 2015.

“Luigi da Porto” da The Italian Novelists. trans. Thomas Roscoe (Frederick Warne and Co.: London, 1900.) http://elfinspell.com/RoscoeLuigiDaPorto.html

“Novelle di Massuccio Salernitano” da The Italian Novelists. trans. Thomas Roscoe (Frederick Warne and Co.: London, 1900.) http://elfinspell.com/RoscoeMassuccio.html

“Romeo e Giulietta: Sinossi e panoramica della trama di Romeo e Giulietta di Shakespeare”. Shakespeare Birthplace Trust. Accesso 10 giugno 2020. https://www.shakespeare.org.uk/explore-shakespeare/shakespedia/shakespeares-plays/romeo-and-juliet/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *