Menu Chiudi

Sclerosi multipla e Nebbia a catena: Clearing My Mind

Jennifer Silver Linings

Guardo il cursore del computer che deride la mia incapacità di raccogliere i pensieri. A tre giorni dalla chemioterapia, il mio cervello è più fritto del solito, la nebbia spessa e densa. Per coloro che non hanno familiarità con il cog fog (nebbia cognitiva), è un offuscamento della coscienza e della capacità di pensiero. Questa “nebbia” interferisce con le funzioni cerebrali di alto livello tra cui la memoria, la risoluzione dei problemi, l’associazione di parole, la capacità di attenzione, l’organizzazione e la pianificazione.

Sono frustrato perché trovare le parole è sempre stato il mio forte e, oggi, è quasi impossibile. Ogni volta che mi concentro su una linea di pensiero, il mio cervello è completamente vuoto pochi istanti dopo, felice di andare alla deriva nell’oblio. Per uno scrittore e autodefinito nerd delle parole, questo non è l’ideale. Per chiunque stia lottando con problemi cognitivi, questo va da frustrante e fastidioso a assolutamente dirompente e debilitante,

Sarò onesto, quando ho sentito parlare per la prima volta della nebbia a ingranaggi, l’ho scrollata via. Non ero così colpito dalla SM e mi sono sempre vantato della mia intelligenza. Sette anni dopo, mi sono sentito umiliato. Il mio intelletto non è all’altezza dell’infiammazione e delle lesioni che continuano a compromettere il mio funzionamento esecutivo generale. Devo chiarire: sono ancora la ragazza intelligente dei libri, ma sentirmi cercare una parola a metà frase o dimenticare il significato di un’altra dà la percezione che non lo sono.

Questo mi frustra.

Il malfunzionamento dei nervi privi di mielinaI nervi privi di mielina causano la maggior parte della nebbia da ingranaggio. Tuttavia, fattori come la fatica, i farmaci e la depressione possono anche causare ed esacerbare le sfide cognitive. È probabile che tu abbia sperimentato tutti e tre questi fattori se hai la SM, quindi il tuo cervello può sentirsi come se fosse spesso in modalità batteria scarica.

Questa è ora la mia linea di base. Mi manca la chiarezza che avevo una volta, la bramo. Mi ritrovo a fissare i moduli in attesa di informazioni, a ripetere ripetutamente le indicazioni e a perdere la mia linea di pensiero a metà discorso. Detto questo, faccio quello che posso per esercitare gli aspetti dell’elaborazione. I giochi di parole e di numeri, le equazioni a soluzione rapida e la ripetizione sono tutti utili per affinare le capacità di risolvere i problemi.

Forse la difficoltà più crudele che ho è la mia lotta con la lettura. Per tutta la vita sono stato un lettore vorace, dalla letteratura alla scienza, dalla narrativa alle biografie. Ho sempre letto almeno due libri contemporaneamente. Ora è difficile trattenere qualsiasi informazione che leggo, per non parlare di pagine intere. Per anni, ho mantenuto un segreto imbarazzante e sono stato cinque anni senza prendere in mano il mio Kindle. Ho ancora comprato libri che volevo tanto approfondire, ma sono rimasti inattivi – fino ad ora. Grazie alla mia incapacità di lasciare le cose come stanno, ho ricominciato a leggere. Sono lenta e deliberata, e spesso devo leggere la pagina due o tre volte, ma mi sento vittoriosa.

Tanto tempo fa, Sono corso a casa dalla scuola elementare in lacrime, piangendo con mia madre che mi avevano chiamato con un nome orribile. Mentre mia madre si preparava al peggio, mi chiese come mi avessero chiamato. Tra le lacrime di indignazione, ho detto: “Qualcuno mi ha chiamato povero lettore”. Cercando di sopprimere le risate, lei capì subito. Una compagna di classe che aveva problemi a leggere con precisione ha supposto che sarei stata devastata da un tale appellativo (dato che ero la migliore della classe), così si è scagliata contro di me. Devastata, lo ero.

Tutti questi anni dopo, mi ritrovo con quel soprannome. La differenza è che non mi dispiace. La mia cognizione è cambiata, ma il cambiamento non è un male, è semplicemente diverso. Continuo a superare molte sfide e sono orgoglioso della mia scelta di perseverare.

Chiamami povero lettore ora, e potrei ringraziarti.

***

Nota: Multiple Sclerosis News Today è strettamente un sito di notizie e informazioni sulla malattia. Non fornisce consigli medici, diagnosi o trattamenti. Questo contenuto non vuole essere un sostituto di consigli medici professionali, diagnosi o trattamenti. Chiedete sempre il parere del vostro medico o di un altro operatore sanitario qualificato per qualsiasi domanda riguardante una condizione medica. Non ignorare mai un consiglio medico professionale o ritardare la sua ricerca a causa di qualcosa che hai letto su questo sito. Le opinioni espresse in questa rubrica non sono quelle di Multiple Sclerosis News Today o della sua società madre, BioNews Services, e hanno lo scopo di accendere la discussione su questioni relative alla sclerosi multipla.

  • Dettagli dell’autore

Jennifer è una scrittrice di salute e una giornalista settimanale sulla sclerosi multipla. Con una diagnosi di sclerosi multipla recidivante-remittente, Jennifer è anche una sostenitrice attiva nella comunità della SM. Jennifer trasmette il suo ottimismo speranzoso nelle sfide della vita reale della comunità della SM. Ora con la SM secondaria-progressiva, Jennifer spera di elevare la voce dei pazienti per migliorare la vita di coloro che convivono con la malattia. Prima di scrivere la sua rubrica, Jennifer ha lavorato come freelance per diversi periodici online tra cui WebMD. Quando non scrive, Jennifer si diverte a fare volontariato per il salvataggio degli animali, a viaggiare e a passare il tempo nella sua casa di Orange County, in California, con suo marito e il suo golden retriever.
×

Jennifer è una scrittrice di salute e una giornalista settimanale sulla sclerosi multipla. Con una diagnosi di sclerosi multipla recidivante-remittente, Jennifer è anche una sostenitrice attiva nella comunità della SM. Jennifer trasmette il suo ottimismo speranzoso nelle sfide della vita reale della comunità della SM. Ora con la SM secondaria-progressiva, Jennifer spera di elevare la voce dei pazienti per migliorare la vita di coloro che convivono con la malattia. Prima di scrivere la sua rubrica, Jennifer ha lavorato come freelance per diversi periodici online tra cui WebMD. Quando non scrive, Jennifer si diverte a fare volontariato per il salvataggio degli animali, a viaggiare e a passare il tempo nella sua casa di Orange County, in California, con suo marito e il suo golden retriever.

Latest Posts
  • meditation, fear, emotions, judgment, reflecting, cog fog, positivity
  • meditation, fear, emotions, judgment, reflecting, cog fog, positivity
  • meditation, fear, emotions, judgment, reflecting, cog fog, positivity
  • meditation, fear, emotions, judgment, reflecting, cog fog, positivity

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *